Caro Babbo Natale

Caro Babbo Natale

Caro Babbo Natale,

È un po’ che non ti scrivo. L’ultima volta avevo appena imparato a scrivere,in stampatello. A oggi la maggiore età l’ho passata da un po’. Non sono i capelli bianchi (che non ho) o la mia data di nascita  che ormai appartiene al secolo scorso…No, sono i tipi di regali che vorrei a dirmi che,forse, sono cresciuta.

Un po’ mi dispiace perché,una volta,una bambola o un libro bastavano. Questa volta non ti chiedo oggetti ma qualcosa di più complesso.

Forse è per questo che noi adulti smettiamo di credere in te: diventiamo troppo complicati e tu, alla fine, non riesci ad accontentarci.

Io però voglio darti un po’ di fiducia e provo a scriverti cosa vorrei. Magari cerco di darti dei consigli su dove trovare il tutto, così non fai troppa fatica e hai più tempo per gli altri.

Dunque, per questo Natale vorrei:

-FELICITÀ (meglio abbondare)

La puoi trovare:

Nelle risate di un bambino

quando il papà gli fa il solletico

Nelle guance rosse

di un ragazzo che corre

dietro a un pallone

a fianco dei suoi amici

Negli occhi bagnati di un anziano

davanti a un braccio a cui aggrapparsi

per salire

le scale

-SPERANZA  (Tutta quella che sta nel pacchetto)

La puoi trovare:

Nel sorriso stanco di chi

ha lavorato

tutto il giorno

ma ha ancora

parole buone

da regalare.

Nel coraggio di chi

scava la terra

senza guanti

sporcandosi le unghie

Sotto il sole cocente

o la pioggia fitta.

Nell’abbraccio

di due che si amano

o si vogliono bene

e sanno che non si vedranno

per un po’

allora si stringono l’uno

al giaccone dell’altro

cercando di aggrapparsi

alla carne

come uno scalatore

all’appiglio che offre

la roccia.

-AMICI,PARENTI, ESTRANEI con cui condividere il tutto.Perché se dividi con gli altri poi tutto si moltiplica.

Non voglio dei bei pacchetti.Anche un pacco un po’ ammaccato.Così magari penso che si tratti di uno scherzo poi lo apro e mi brillano gli occhi un po’ come quando, da bambina, mi regalasti quel lego con cui giocavo sempre.

Non ho perso la mia voglia di costruire questa volta però mi piacerebbe poter costruire il mio futuro mattoncino su mattoncino e se non sono tutti uguali, va bene lo stesso.

Con affetto

Una bambina un po’ cresciuta (forse, ma senza capelli bianchi eh)

P.S. Se poi hai qualche libro o del lego da lasciarmi sotto l’albero fai pure, io non mi oppongo.

altri articoli: www.lavitasecondoipazia.altervista.org

immagine: https://pixnio.com/it/vacanze/natale/natale-scatola-regalo-marrone-decorazione-pacchetto

Precedente Quando Eravamo eroi Successivo La Stella che Non Brilla